torna alla home
Visitaci anche su:

Notiziario ambiente energia on-line dal 1999

Il Governo ricorre contro l’Abruzzo per il parco anti-trivelle della Costa Teatina

where Roma when Lun, 04/01/2016 who redazione

Il Consiglio dei ministri approva il piano antialluvione dell’Adige e boccia l’istituzione del parco regionale abruzzese creato per ostacolare il progetto di perforazione Ombrina Mare in Adriatico

Il Consiglio dei ministri numero 98 che si è riunito nel pomeriggio di mercoledì 23 dicembre a Palazzo Chigi, sotto la presidenza di Matteo Renzi, ha approvato diverse norme.
Su proposta del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti il Consiglio dei ministri ha approvato la seconda variante al piano stralcio per la tutela dal rischio idrogeologico del fiume Adige - Regione del Veneto, nonché la variante al piano stralcio per l’assetto idrogeologico - rischio di frana” che riguarda il  comune di Minturno (Latina).

32332.jpgInoltre il Consiglio dei ministri ha esaminato ventinove leggi delle Regioni fra le quali è stata deliberata un’impugnativa contro la legge della Regione Abruzzo numero 36 del 3 novembre (“Disposizioni in materia di acque e di autorizzazione provvisoria degli scarichi relativi ad impianti di depurazione delle acque reflue urbane in attuazione dell’art. 124, comma 6, del decreto legislativo 152/2006 e modifica alla L.R. 5/2015), in quanto una norma, riguardante l’entità del canone idroelettrico, incide sulla capacità di operare in pari condizioni sul mercato unico dell’energia elettrica, in violazione dell’art. 117, secondo comma, lett. e, della Costituzione.

Il Governo durante la stessa seduta ha deciso l’impugnativa contro la legge Regione Abruzzo n. 38 del 6 novembre, “Istituzione del Parco Naturale Regionale Costa dei Trabocchi e modifiche alla legge regionale 21 giugno 1996, n. 38 (Legge-quadro sulle aree protette della Regione Abruzzo per l'Appennino Parco d'Europa)”, in quanto istituisce  una area protetta marina in  contrasto con la normativa statale quadro, che riserva allo Stato la possibilità di istituire aree protette in mare. Ne consegue l’ invasione nella materia di esclusiva competenza statale della tutela dell’ambiente, in violazione  degli articoli 117, secondo comma, lettera s), e 118 della Costituzione.

L’istituzione del parco della Costa Teatina e costa dei trabocchi era stata immaginata molti anni fa, prima che fosse lanciato il progetto di perforazione del giacimento Ombrina Mare in Adriatico. Dopo anni in cui il progetto del parco ha languito, la Regione Abruzzo l’ha riscoperto come strumento per contrastare la realizzazione della piattaforma petrolifera sulla costa antistante. Tuttavia nell’istituire l’area protetta la Regione ha sottoposto a vincolo anche la porzione di mare in cui sarebbe dovuta sorgere l’istallazione petrolifera, ma il mare non è di pertinenza regionale: è un’esclusiva dello Stato. Così il Gverno ha deciso di impugnare il provvedimento regionale.

immagini
La costa teatina