torna alla home
Visitaci anche su:

Notiziario ambiente energia on-line dal 1999

Bee My Future, Guna adotta un’arnia con 50mila api

where Milano when Gio, 22/03/2018 who roberto

Il progetto promosso da Lifegate punta a proteggere e allevare le api in contesti urbani per uno sviluppo sostenibile del pianeta nel rispetto della natura e delle persone

L’inizio della stagione primaverile gunalifegate.jpgporta con sé uno strascico di colori, profumi e sapori intensi e anche tanti insetti caratteristici e molto utili al nostro ecosistema. Come le api, ad esempio, gli insetti più preziosi del pianeta perché da loro dipende l’impollinazione di 71 delle 100 colture più importanti secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). Ma negli ultimi anni in Italia, soprattutto nel Nord e nel Centro, la popolazione di api ha subito un forte calo, a causa dell’utilizzo dei pesticidi chimici, degli insetticidi e dei cambiamenti climatici.

Per fare qualcosa di concreto volto a contrastare la scomparsa delle api, che metterebbe in pericolo la nostra sicurezza alimentare e il nostro futuro, GUNA, azienda italiana leader nella medicina low-dose, che da sempre vanta una grande attenzione ai valori e ai principi di sostenibilità sociale e ambientale che promuovono uno sviluppo sostenibile del pianeta nel rispetto della natura e delle persone, ha deciso di sostenere il progetto “Bee my Future”, promosso da Lifegate, adottando un’arnia con al suo interno circa 50.000 api per proteggerle e allevarle in un contesto urbano seguendo i principi del biologico.

A occuparsi delle api e della produzione del miele sarà un apicoltore hobbista con esperienza decennale e una profonda conoscenza del mondo degli insetti, selezionato dall’APAM, Associazione Produttori Apistici della Provincia di Milano, partner del progetto.

“Siamo felici e orgogliosi che da questa primavera 50mila api del progetto Bee My Future abbiano trovato in GUNA un nuovo sostenitore”, ha commentato Alessandro Pizzoccaro, Fondatore e Presidente del CdA di GUNA S.p.a., azienda che festeggia quest’anno i 35 anni di attività. “Tutelare le api senza ricorrere a sostanze di sintesi è un messaggio importante per un’impresa come la nostra che promuove da sempre i principi della prevenzione e del benessere psico-fisico per le nuove generazioni”.

 

immagini
guna_lifegate