torna alla home
Visitaci anche su:

Notiziario ambiente energia on-line dal 1999

​La Norvegia fornirà energia idroelettrica al Regno Unito grazie a un interconnettore sottomarino

where Roma when Lun, 20/04/2015 who michele

L'annuncio è stato fatto dalla National Grid britannica e dalla Statnett norvegese. La Gran Bretagna punta ad importare dalla Norvegia energia idroelettrica pari al 14% del suo fabbisogno

L'energia verde prodotta dalla Norvegia servirà per illuminare centinaia di migliaia di case in Gran Bretagna. Dal 2021, come riporta l'edizione online della Bbc, l'energia venduta dal Paese scandinavo “viaggerà” attraverso un interconnettore elettrico sottomarino, il più lungo al mondo. L'annuncio è stato dato dalla National Grid britannica e dalla Statnett norvegese. cavosottomarino.jpgLa Gran Bretagna punta ad importare dalla Norvegia abbastanza energia idroelettrica da coprire il 14% del suo fabbisogno elettrico domestico annuo.

L'energia "verde" norvegese è quella idroelettrica generata dalle acque dei laghi del Paese, in particolare dal bacino artificiale di Blasjo.
L'interconnettore North Sea Network (NSN), sottomarino, sarà completato nel 2021 e avrà una capacità di 1,4 gigawatt (GW): collegherà direttamente, per la prima volta, i sistemi elettrici dei due Paesi. Si snoderà dall'impianto di Kvilldal, in Norvegia, alla cittadina britannica di Blyth, nel Northumberland.

Il cavo sarà lungo oltre 730 chilometri e sarà in grado di trasportare energia per 750mila abitazioni in caso di picchi di richiesta, mentre in condizioni normali fornirà energia fino a 4 milioni di case. La Gran Bretagna ha all'attivo altri quattro interconnettori che la collegano a Francia, Olanda, Irlanda del Nord e Irlanda. Il mese scorso la National Grid ha siglato un accordo con l'operatore di trasmissione elettrica belga Elia per sviluppare l'interconnettore Nemo.
 
 

immagini
Posa di cavo sottomarino per trasmissione elettrica