torna alla home
Visitaci anche su:

Notiziario ambiente energia on-line dal 1999

Al lavoro in Spagna un “vigile” europeo contro i cortocircuiti

where Palma di Maiorca (Spagna) when Mar, 24/09/2013 who redazione

Il suo compito è quello di intervenire non appena si verifica un guasto sulle linee elettriche, per limitare il traffico ed evitare che il danno si estenda a macchia d'olio

Ha preso servizio a Palma di Maiorca un vigile molto particolare, addetto alla sorveglianza delle grandi reti elettriche delle nostre città. Il suo compito è quello di intervenire non appena si verifica un guasto lungo il percorso, per limitare il 'traffico' ed evitare che il danno si estenda a macchia d'olio. Si tratta di un innovativo limitatore di corrente frutto del progetto europeo 'Eccoflow', cui ha preso parte anche l'Italia con i ricercatori di Rse (Ricerca sul Sistema Energetico).
Il dispositivo è stato pensato per rispondere ai problemi di sicurezza determinati dal continuo incremento della domanda elettrica e dalla crescente magliatura delle reti di distribuzione: in caso di guasto, infatti, si può generare un cortocircuito molto più potente di quello a cui possono far fronte i sistemi di sicurezza pensati in origine per una rete più ristretta.
È come se una piccola città venisse improvvisamente attraversata dai veicoli che normalmente transitano lungo un'autostrada, con la circolazione che va in tilt. Per questo entra in azione il nuovo vigile Eccoflow, uno dei primi limitatori al mondo a usare materiali superconduttori, capaci di entrare in funzione quasi istantaneamente non appena rilevano la corrente di cortocircuito, per riportarla entro valori gestibili dai normali sistemi di sicurezza. Il suo funzionamento è stato testato in Italia, nei laboratori di Rse, dove è nato anche il suo “fratellino minore”, un altro limitatore di corrente superconduttivo più piccolo che è installato da più di un anno nella rete di distribuzione di Milano.
Dopo i primi sei mesi di attività in Spagna, il limitatore Eccoflow sarà trasferito in Slovacchia, proprio per dimostrare la sua estrema versatilità: è infatti il primo dispositivo concepito per due diversi siti di installazione.

 

immagini