torna alla home
Visitaci anche su:

Notiziario ambiente energia on-line dal 1999

Tassonomia verde. La decisione è attesa in settimana: ci saranno anche gas e nucleare?

where Bruxelles (Belgio) when Lun, 06/12/2021 who roberto

Trattative complicate tra i diversi Paesi. Il peso del gas per noi è maggiore perché siamo la seconda manifattura in Europa

E' attesa in settimana la decisione finanza-verde-ue.jpgdella Commissione europea circa lo status di sostenibilità dell'energia nucleare e del gas nell'ambito della classificazione Ue dei criteri per definire le attività economiche sostenibili. La Tassonomia dovrebbe fornire alle imprese e agli investitori un riferimento certo, perché gli investimenti verdi possano essere prioritari, crescere ed essere monitorati, consentendo così l'attuazione delle misure Ue per il clima. La discussione in atto è però molto complicata e lo è resa ancor di più dalla corsa dei prezzi del gas. “Siamo 27 Stati con storie energetiche e tecnologiche completamente diverse: noi siamo la seconda manifattura europea"  dice il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. Tradotto: certi problemi, economici e industriali, per noi sono più pesanti che per altri. “è chiaro che, se si determina il prezzo dell'energia elettrica in bolletta a partire dalla quotazione data l'ultimo minuto del giorno prima al vettore più costoso, che in questo caso è il gas, viene una bolletta più pesante. Ma questo non è per fare un dispetto; è fatto perché serve, ad esempio, a consentire investimenti in altre forme di energia, quindi ha una sua razionalità di mercato".
 
Simson annuncia lo stoccaggio comune di gas
Intanto, un risultato l’abbiamo già ottenuto: la Commissaria europea all'Energia Kadri Simson ha preannunciato che il pacchetto sull'energia che verrà presentato il prossimo 14 dicembre conterrà l'approvvigionamento congiunto di stock strategici di gas, così come proposto dal governo italiano. “Finalmente arriva una risposta all’altezza delle ambizioni dell’Unione europea contro la crisi innescata dall’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia. Con una centrale di stoccaggio comune avremo un’arma in più per calmierare i prezzi nel caso di speculazioni del mercato energetico. Tuttavia, bisogna andare oltre e creare le condizioni per una indipendenza energetica europea che sostenga i bisogni di imprese e consumatori”. Così Tiziana Beghin, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo in una nota.
 
Muroni: chi decide la politica energetica in Italia?
"Il nucleare, ad oggi, non ha risolto il problema della sicurezza né quello delle scorie e ha costi e tempi incompatibili con quelli della transizione - rileva Muroni - : il cosiddetto nucleare sicuro e di nuova generazione ancora non c’è. Sprecare per il gas gli investimenti che dovrebbero andare alla conversione ecologica ci renderebbe ancora dipendenti dai fossili, toglierebbe risorse alle rinnovabili e rallenterebbe la nostra transizione". Per questo - dice la deputata di FacciamoECO - "atomo e gas fossile devono restare fuori dalla tassonomia". Poi, riscontrando "un'assonanza e un tempismo così in sintonia tra le uscite di Cingolani e di Descalzi" (…), è lecito chiedersi chi decida davvero della politica energetica italiana".
 
Fridays for future, Italia ago della bilancia sul gas
"In questo preciso momento l’Italia è ago della bilancia in Unione europea per fare considerare il gas una fonte di energia sostenibile o no. Se venisse considerata tale nella tassonomia europea significherebbe nessuna speranza di rispettare l’accordo di Parigi". Lo dicono i Fridays for future Italia, secondo i quali "il governo ci vuole condannare a un mondo invivibile".
 
L’appello di WWF, Greenpeace e Legambiente
Difendere la tassonomia europea come strumento trasparente e coerente per la finanza sostenibile, respingendo gli assalti di chi vuole allargare le maglie e far rientrare tra gli investimenti sostenibili anche tecnologie che sostenibili non sono affatto, come gas e nucleare. È l'appello che Wwf, Greenpeace, Legambiente e T&E (Transport and Environment) rivolgono al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e al Ministro Cingolani.

immagini
tassonomia-ue